domenica 30 ottobre 2011

TU SEI LA PATRIA CHE IO

tu sei la patria che io
condannato senza terra senza cuore
torno nei sogni a calpestare.
anche oggi scavo tane.
Posta un commento