lunedì 20 agosto 2012

QUALCOSA CHE RUSSA

oh, l'anticamera d'inferno: il sonno mancando, qualcosa che russa disturbando il silenzio, pascolo erboso che vorrei riposare. oh, la gratia non piena: un balcone preponderante sul buio. la campana là in alto non suona. oh Cracovia, oh Czestochowa: passano gli anni in un giorno solo, perdo ancora il sonno, ancora. ma io dormivo, sapevo dormire: non li temevo i terrori della notte. non temevo. e se temevo, c'era a letto mia madre: dormivo, perché ero un bambino.
Posta un commento