martedì 30 ottobre 2012

SENZA MISERICORDIA APPOGGIARSI

Agnese Ramundo, Dormi, 2012

Guardando la sabbia dalla clessidra
senza misericordia appoggiarsi 
al lato opposto, oppure vederti crollare 
sulle ceramiche del nostro corridoio, 
anticipando il tempo o forse obbedendo
- un vizio che è nostro familiare - 
e solo immaginare con gli occhi tutto questo, 
e solo gridando col silenzio
'dall'assenza preservami Signore'.
Posta un commento