martedì 27 novembre 2012

NOSTRO

La mano sulla faccia, livida sei dentro;
il tuo tedio al mio arrancare,
aprimmo porte socchiuse.
Per questo mi cerchi: chiami nostro
quel male mortale
creduto da sempre così personale.

(da Attaccamenti)
Posta un commento