venerdì 6 dicembre 2013

una poesia di saffo

[...] Scuote l'anima mia eros, 
come vento sul monte
che irrompe entro le querce;
e scioglie le membra e le agita,
dolce amara indomabile belva-

Ma a me non ape, non miele;
e soffro e desidero.

Saffo, Liriche e frammenti, trad. di Salvatore Quasimodo

Posta un commento