sabato 28 marzo 2015

C'E' UN ATTIMO CHE PIANGO SUL BANCONE

Sentimento di morte. Di Robby che stringe il bambino di un cliente, lo fa ridere e giocare, sua moglie nelle foto del bar sulla bacheca. Erano belli davvero, quattordici anni fa. Ho Claudia di fianco col pancione, ogni giorno è più bella e più madre. Prima, durante un tour ai piedi delle colline, mi sono fermato e l'ho guardata in mezzo ai fiori di un albero sbocciato. Le ho fatto una foto, l'istante è l'ultimo clip di un film già vissuto di gioia. C'è un attimo che piango sul bancone. La foto di Claudia sulla bacheca del cuore. Potessi io morire in vece, dovessi morire e lasciar tutto stare. 
Posta un commento