lunedì 10 maggio 2021

giovedì 29 aprile 2021

Come Michael Collins


Con l’estathé ghiacciato al limone
il fumo esce ancora dai miei finestrini
ma non riflette la luce della luna.
È tutta notte intorno, non vedo neanche
le macchine sui bordi parcheggiate.
Aspetterò il ciclo, le fasi del pianeta,
fantasticando come Michael Collins
così vicino dall’astronave
al suolo.

da Sotto fasi lunari

venerdì 26 febbraio 2021

Proprio all’inizio dell’autunno

«… Puzzi già d’inverno, la tua pelle,
i tuoi vestiti …»: così mi dici
e non è neanche il ventinove di settembre.

Sarà la fine che mi s’attacca sempre,
il letargo che ho d’inverno ma inoltrato
fin dal giorno in cui sono nato. 

(da Domestiche abitudini, Contatti, 2020)

mercoledì 2 dicembre 2020

intervista su Pienne Radio

Qui è possibile riascoltare il podcast dell'intervista andata in onda martedì 1 dicembre su Pienne Radio. Un grazie sincero a Mattia Cattaneo per l'invito.

venerdì 16 ottobre 2020

#domesticheabitudini @viamazzini43

Associazione Culturale Biasin è lieta di annunciare la prima serata di presentazione del nuovo libro di Giorgio Casali, “Domestiche abitudini. Poesie 2004-2019” edito quest’anno dalle Edizioni Contatti di Genova nella collana “Rubedo” diretta da Massimo Morasso. L’evento, a ingresso libero e con la moderazione del poeta Roberto Alperoli, si terrà giovedì 22 ottobre alle ore 21 presso lo spazio “viamazzini43” a Sassuolo in Via Mazzini 43.

- Introduzione a cura dell’Associazione Biasin
- Dialogo dell’autore con Roberto Alperoli e reading poetico.
- Interventi musicali di Fabio Chierici
- Bookshop a cura di Libreria Incontri
- Sponsor tecnico: Modularis di Vanna Zanotti


*** A causa delle indicazioni per la sicurezza relativa al COVID-19, l'evento sarà limitato a 30 posti. Per partecipare di persona è necessario prenotarsi tramite il form a questo link: http://www.viamazzini43.com/events/domestiche-abitudini/ Riceverete una e-mail di conferma della prenotazione (Importante! Se per qualunque motivo si è impossibilitati a presenziare, si prega di disdire la propria partecipazione inviando una mail a info@viamazzini43.com)

La presentazione sarà trasmessa in diretta Facebook qui ***

giovedì 24 settembre 2020

DOMESTICHE ABITUDINI

Edizioni Contatti - Genova 2020
Genere: Poesia
Pagine: 156
Formato: 11 X 18
ISBN: 9788894414141 


In Domestiche abitudini la “musica tranquilla” che anima da anni il racconto in versi di Giorgio Casali riesce a tenere insieme, in vivace ed estroso equilibrio, riflessione autobiografica e vocazione mistico-filosofica. Giunto a questo primo libro della compiuta maturità, Casali scrive un’originale poesia lirica in forma diaristico-memoriale, dando voce commossa agli echi e alle risonanze familiari e amicali delle questioni interiori che più lo ossessionano: la coscienza del tempo che scorre inesorabile, la presenza costante della morte, il tentativo di carpire schegge del sacro nello spazio-tempo della quotidianità, dal flusso della quale sa spiccare gli attimi eterni che prefigurano un senso. Dal “basso” di uno sguardo soltanto apparentemente orizzontale, questa raccolta si fissa nella memoria come una prova molto ben calibrata di poesia confessionale, atta a dar conto di una lotta poetica tra grazia e sconforto, peccato e redenzione. (nota di Massimo Morasso)

Per acquistare il libro online clicca qui, oppure ordinalo in qualunque libreria.

domenica 30 agosto 2020

da una poesia di mario luzi

[...] E come io non dico altro, lui di nuovo: «O Mario,
com’è triste essere ostili, dirti che rifiutiamo la salvezza,
né mangiamo del cibo che ci porgi, dirti che ci offende».
Lascio placarsi a poco a poco il suo respiro mozzato dall’affanno
mentre i passi dei compagni si spengono
e solo l’acqua della gora fruscia di quando in quando.
«È triste, ma è il nostro destino: convivere in uno stesso tempo e luogo
e farci guerra per amore. Intendo la tua angoscia,
ma sono io che pago tutto il debito. E ho accettato questa sorte».
E lui, ora smarrito ed indignato: «Tu? tu solamente?»
Ma poi desiste dallo sfogo, mi stringe la mano con le sue convulse
e agita il capo: «O Mario, ma è terribile, è terribile tu non sia dei nostri».
E piange, e anche io piangerei
se non fosse che devo mostrarmi uomo a lui che pochi ne ha veduti.
Poi corre via succhiato dalla nebbia del viottolo.

Rimango a misurare il poco detto,
il molto udito, mentre l’acqua della gora fruscia,
mentre ronzano fili alti nella nebbia sopra pali e antenne.
«Non potrai giudicare di questi anni vissuti a cuore duro,
mi dico, potranno altri in un tempo diverso.
Prega che la loro anima sia spoglia
e la loro pietà sia più perfetta.»

Presso il Bisenzio, in Nel magma, Garzanti, 1963